Passa al contenuto principale
Europa
Angels Blog

Spirit Of Excellence Award Winners & Nominees 2020

Find out what it takes to become the winner of a Spirit of Excellence Award.
Angels team 23 agosto 2021
 
Nel 2020, 20 professionisti sanitari di tutta Europa sono stati candidati al premio Spirito di eccellenza, assegnato ogni anno a coloro che incarnano l’eccellenza nella cura dell’ictus e si sforzano di elevare lo standard di eccellenza nei loro ospedali. Incontra i candidati e i vincitori.

 

" "

Aleš Tomek
Vicedirettore del Dipartimento di Neurologia dell’Università Charles di Praga
Repubblica Ceca

Il consulente di Angels Robert Halvada afferma: “Aleš Tomek è un leader, un ictusologo e presidente della Stroke Society. Condivide davvero l’ideologia dell'Iniziativa Angels. Ha costruito la comunità dell’ictus durante tutta la sua carriera, non solo tra i neurologi ma anche tra infermieri e professionisti del servizio di emergenza sanitaria. Ci supporta davvero in tutte le attività educative e simulazioni, ed è il volto delle campagne di sensibilizzazione. Aleš è in grado di pensare oltre l'orizzonte, e quindi sa che la collaborazione incrociata tra diverse società ed entità è cruciale per il miglioramento della cura dell'ictus.”

" "

Alexandra Botsina
Responsabile del reparto ictus presso l’ospedale IV Davydovsky di Mosca
Russia

“Per me, eccellenza nella cura dell’ictus significa lavoro di squadra. Questo è l’unico modo per salvare vite umane e per garantire il miglior recupero funzionale per i pazienti attraverso tecniche di riperfusione e un inizio precoce della riabilitazione. Con il supporto dell’Iniziativa Angels e del programma di monitoraggio della qualità RES-Q, possiamo vedere i nostri risultati, analizzarli e apportare miglioramenti. Di conseguenza, quest’anno abbiamo ricevuto lo status Diamante. Per me, essere nominati per il premio Spirito di eccellenza significa ottenere il riconoscimento della comunità professionale e la consapevolezza che stiamo facendo le cose nel modo giusto.”

" "

Carlos Molina (VINCITORE)
Direttore della stroke unit e del reparto di Emodinamica cerebrale dell’Hospital Universitari Vall d’Hebron di Barcellona
Spagna

“Eccellenza nella cura dell'ictus significa uno sforzo continuo. Dobbiamo lavorare sodo ogni giorno per migliorare i nostri percorsi di cura e ottenere un risultato migliore per i nostri pazienti. È un compito quotidiano. Così ho aderito all’Iniziativa Angels e da allora abbiamo lavorato molto duramente come squadra, non solo qui in Catalogna ma in tutta la Spagna, sia per migliorare e implementare le cure negli ospedali specializzati nella cura dell’ictus sia per migliorare il tempo di riperfusione. E ci siamo riusciti.”

" "

Dimitrii Seropegin
Responsabile del Centro comprensivo per l’ictus a Mosca
Russia

Essere tra i candidati al premio Spirito di eccellenza è un importante riconoscimento non solo per me ma anche per tutto il personale del centro oltre che per il personale ospedaliero e quello del reparto sanitario che in questi tempi difficili ha trovato la forza e i mezzi per migliorare il trattamento per i pazienti affetti da ictus ischemico. Mentre in passato una diagnosi di ictus per questi pazienti era quasi una condanna, al momento siamo in grado non solo di dare loro speranza, ma anche di fornire un ottimo trattamento, che porta al completo recupero.”

" "

Evija Miglane (VINCITRICE)
Responsabile Dipartimento di Neurologia di Riga
Lettonia

Eccellenza nella cura dell’ictus significa coinvolgere le persone giuste: persone interessate all’ictus, team competenti che possono agire rapidamente in una situazione acuta. L’ictus è una delle emergenze mediche più devastanti che possono verificarsi in una persona. Dobbiamo fare tutto il possibile per migliorare la cura dell’ictus nel nostro Paese. Essere tra i candidati al premio Spirito di eccellenza è un grande onore, e sono anche molto contenta che il lavoro che facciamo per migliorare la cura dell’ictus in Lettonia sia così apprezzato.”

" "

Francesca Romana Pezzellan (VINCITRICE)
Dipartimento di Neuroscienze, Ospedale San Camillo Forlanini, Roma
Italia

“Eccellenza nella cura dell’ictus per me significa principalmente impegno, impegno nella lotta contro l’ictus. Non si tratta solamente della fase acuta, ma dell’intero continuum delle cure, a partire dalla prevenzione primaria fino a garantire la vita dopo l’ictus. Il premio Spirito di eccellenza non sarebbe solamente un premio per me e per il mio ospedale: sarebbe il riconoscimento per un certo modo di lavorare e di portare avanti il nostro impegno contro l’ictus: combattere l’ictus, implementare nuove tecnologie, implementare linee guida e aiutare le persone a migliorare la loro qualità di vita dopo essere state colpite da un ictus.”

" "

László Szapáry
Professore associato presso il Dipartimento di Neurologia della Facoltà di Medicina dell’Università di Pécs
Ungheria

“Secondo me il compito più importante di uno specialista in ictus è organizzare la gestione dell’ictus preospedaliera e intraospedaliera nel modo più ottimale possibile. Pertanto, penso che un eccellente specialista dell’ictus si avvalga di una conoscenza professionale di alta qualità, che abbia in atto un rapido processo decisionale ogni giorno ed eccellenti capacità organizzative. Credo che un eventuale premio Spirito di eccellenza non riconoscerebbe la mia attività personale, ma piuttosto l’alto livello di assistenza per l’ictus, i risultati e lo sviluppo dell’assistenza per l’ictus in Ungheria.”

" "

" "

Noelia Muñoz e Roberto Valverde
Responsabile Unità di Terapia Intensiva e Specialista Medico Neurologia presso l’Ospedale Cruz Roja di Cordoba
Spagna

Dott.ssa Muñoz: “Credo fortemente nella catena della sopravvivenza. Questa catena della sopravvivenza si riferisce a una serie di azioni che correttamente eseguite riducono la mortalità associata all’ictus. Siamo diventati migliori grazie ai nostri pazienti. Stiamo facendo quello che stiamo facendo grazie a loro. Piuttosto che salvare le loro vite sono le loro vite a salvare noi".

" "

Paola Santalucia
Responsabile del Dipartimento di Neurologia dell’Ospedale San Giuseppe di Milano
Italia

“Eccellenza nella cura dell'ictus significa dare al paziente colpito da ictus la possibilità di tornare alla sua vita normale. Da quando ho aderito all’Iniziativa Angels ho lavorato in tanti ospedali italiani: ospedali diversi, contesti diversi, persone diverse, ma la stessa necessità di migliorare la cura dell’ictus per i pazienti. Sarei molto contenta e onorata di ricevere il premio Spirito di eccellenza. Come qualsiasi altro premio, significa riconoscimento e apprezzamento pubblico, più che per il mio lavoro, per lo spirito e la motivazione che sono alla base di quello che faccio.”

" "

Tatiana Sergeeva
Responsabile della stroke unit comprensiva di San Pietroburgo
Russia

“Negli ultimi quattro anni abbiamo assistito ad un aumento del numero di procedure di trombolisi eseguite presso il nostro ospedale, dall’1,7% nel 2015 al 12,17% nel 2019. Nel 2019 il nostro centro è stato il primo luogo in Russia per aver eseguito il maggior numero di trombectomie, ovvero 161. Eccellenza nella cura dell’ictus significa controllo sulla malattia che porta a esiti migliori. La conoscenza deve essere trasmessa da una persona all’altra. Ci sono momenti per imparare e momenti per insegnare. Ci sono momenti per acquisire esperienza e condividerla.”

" "

Małgorzata Fudala (VINCITRICE)
Responsabile del Dipartimento di Neurologia e Stroke Unit presso lo Skarżysko-Kamienna Hospital
Polonia

“Eccellenza nel trattamento dell'ictus per me significa risposte rapide e cure efficaci, capacità di prendere le giuste decisioni cliniche e monitoraggio della qualità del proprio lavoro. Il premio Spirito di eccellenza sarebbe una forma di apprezzamento eccellente per l’intero team che va al di là di ciò che molti medici considerano lo standard. Inoltre, il premio sarebbe un’eccezionale spinta morale verso l’eccellenza nel trattamento dell’ictus. È fondamentale per me dire che sono molto orgogliosa del mio team. Parte dell’essere un operatore sanitario è saper riorganizzare le idee, distaccarsi dalla tragedia e fornire le cure più eccellenti possibili. Dopo tutto, il mondo ha bisogno di angeli.”

" "

António Costa
Infermiere della stroke unit a Faro
Portogallo

“Abbiamo aderito ad Angels nel 2016. Il nostro miglioramento è stato immediato, con una diminuzione del tempo necessario al paziente per ricevere assistenza attraverso l’implementazione di protocolli di eccellenza, buone pratiche mediche e condividendo le nostre conoscenze con altri operatori sanitari e strutture sanitarie. Il premio Spirito di eccellenza motiverebbe il nostro team ed estenderebbe la nostra responsabilità, perché c’è sempre spazio per il miglioramento.”

" "

Elena Terecoasa
Specialista in Neurologia medica a Bucarest
Romania

“Sono davvero onorata di essere candidata al premio Angels Spirito di eccellenza. Per me, l’eccellenza nella cura dell’ictus significa avere in atto un sistema che si attiva prima che il paziente abbia un ictus. Negli ultimi quattro anni sono stati apportati enormi miglioramenti nel trattamento dell’ictus acuto in Romania, in parte grazie anche al progetto Angels. Quando penso al mio ospedale, nel 2016 trattavamo circa 50 pazienti con trombolisi all’anno, con un tempo door-to-needle di circa 90 minuti. Ora trattiamo più di 200 pazienti all’anno con un tempo dall’arrivo in ospedale all’inizio del trattamento che solitamente e nella maggior parte dei casi è inferiore a 40 minuti. Spero davvero che insieme al team Angels riusciremo a migliorare ulteriormente la cura dell’ictus in Romania."

" "

Estela Sanjuan
Coordinatrice del gruppo neurovascolare infermieristico GEN-SEDENE
Spagna

“Eccellenza nella cura dell’ictus significa professionisti ben formati, lavoro di squadra, risorse, insegnamento, ricerca e innovazione. Presso il mio ospedale abbiamo partecipato allo studio QASC. È stato molto interessante partecipare e ho fatto anche parte del comitato direttivo, quindi con SEDENE potremmo implementarlo in diversi ospedali.”

" "

Matej Polák (VINCITORE)
Responsabile EMS e dell’Associazione ambulanze
Slovacchia

“Prima dell’Iniziativa Angels cinque anni fa, l’ictus non era percepito dai paramedici come un vero caso urgente o qualcosa in cui potessero fare una differenza positiva per il paziente. Al giorno d’oggi, però, l’ictus viene trattato dai paramedici come un reale caso di emergenza sotto la pressione del tempo e con l’intensa collaborazione tra gli operatori sanitari coinvolti. Oggi i paramedici sono consapevoli del loro ruolo cruciale nel salvare la vita dei pazienti colpiti da ictus. Vincere il premio Spirito di eccellenza per me sarebbe una conferma della mia visione, che non importa chi sei, se sei un neurologo, infermiere o paramedico, se vieni da un ospedale supermoderno o da uno che ha ancora molta strada da fare, se vieni da un Paese ricco o meno, solo con la tua dedizione e il tuo impegno quotidiano per migliorare le piccole cose puoi davvero fare un grande cambiamento positivo.”

" "

Olena Kucheriavenko
Responsabile di Neurologia presso il Sumy Central City Hospital
Ucraina

“Fornire cure di alta qualità ai pazienti colpiti da ictus significa un chiaro coordinamento con il servizio d’emergenza e un team esperto nella cura dell’ictus, un team di persone che la pensano allo stesso modo che vanno nella stessa direzione con lo stesso obiettivo, per dare una possibilità alla vita. Dopo aver aderito all’Iniziativa Angels, abbiamo partecipato a corsi di formazione e frequentato corsi che ci hanno aiutato non solo a migliorare le nostre conoscenze, ma anche a standardizzare le nostre procedure per fornire cure ai pazienti colpiti da ictus. Ricevere il premio Spirito di eccellenza sarebbe un grande riconoscimento: un apprezzamento per il mio lavoro e per il lavoro congiunto del mio team. Il premio Spirito di eccellenza è un risultato e un’ispirazione.”

" "

" "

Yourdan Karaivanov e Atanas Mitkov
Responsabile U.O. di Neurologia presso il Dr. Atanas Dafovski Hospital e Responsabile Associazione EMS, distretto di Kardzhali
Bulgaria

La consulente Angels Desislava Hlebarska afferma: “I candidati del nostro Paese al premio Spirito di eccellenza nel 2020 sono il dottor Yourdan Karaivanov e Atanas Mitkov di Kardzhali. Il dottor Karaivanov è a capo del dipartimento di neurologia dell'ospedale locale. Il dottor Mitkov è a capo dei servizi medici di emergenza nella stessa regione. Insieme sono un esempio ispiratore di come dovrebbe funzionare la cooperazione tra ospedale e servizi medici di emergenza. Negli ultimi due anni hanno unito le forze per fornire a ogni paziente colpito da ictus nella regione la migliore assistenza possibile. In questo breve periodo, hanno trasformato l’ospedale locale da struttura non curante al sesto ospedale con le migliori prestazioni nel nostro Paese.”

" "

Giovanni Malferrari
Direttore della stroke unit dell’Ospedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia
Italia

 

More stories like this

New
Ungheria

Mátészalka Hospital Proves Its Mettle

The stroke centre at this remote hospital on the north-eastern tip of Hungary is fighting for its patients’ and its own survival with determined courage and award-winning performance.
Ecuador

Conosci i medici responsabili del cambiamento in Ecuador

An Angels Award has sparked a stroke care improvement campaign across Ecuador and put two trail-blazing doctors on the podium to lead change.
Globale

4 modi per mantenere buone abitudini

In order to make a positive change, we don’t only have to introduce new good habits, we also have eliminate some bad ones, writes Jan van der Merwe.
Join the Angels community
Powered by Translations.com GlobalLink OneLink Software